Energia Aéolica – Giappone

Bandeira Brasil       Bandeira Itália       Bandeira Inglaterra       Bandeira França1       Bandeira Espanha1

Pós-Fukushima – Il Giappone costruisce il primo dei 140 mulini galleggianti

Offshore-Wind-Turbines-537x358Il Giappone ha quasi finito di costruire il primo di 140 mulini galleggiante. Aveva fornito un’alternativa più sicura rispetto la loro infrastruttura attuale del nucleare . Quando sarà legato nei prossimi giorni , con altezza di 350 metri , il mulino galleggiante, stara posizionatoa soli 12 km dai reattori nucleari gravemente danneggiati di Fukushima, e genererà elettricità sufficiente ad alimentare di energia, 1.700 abitazioni.

Quasi interamente dipendente dal nucleare solo due anni fa , il Governo giapponese sta facendo grandi sforzi per sviluppare l’energiapulita e rinnovabile . Il mulino a vento è solo un progetto di 140 turbine eoliche flottanti da costruire con un costo di 22 miliardi di yen, o U$ 226.000.000 . Nel 2020 , il progetto offshore spera generare più di un gigawatt di elettricità , equivalente all’energia generata da un singolo reattore nucleare .

I mulini giapponesi sono diversi dalle altre turbine in mare che si basano su piattaforme gigante galleggiante ” ancorato” al fondo marino . In cantiere più antichi, mulini a vento in altri paesi sono sempre stati minori per essere trasferito nel fondo marino , nel caso del Giappone dovrebbe essere ancorata e sepolto in molto grandi profondità . Gli impianti galleggianti , tuttavia ,possono sostituire completamente questa restrizione.

I ricercatori del Università di Tokyo hano fatto simulazioni al computer , che determinato l’ utilizzo dell’energia eolica nelle acque profonde della costa del Giappone. Potrebbe generare fino a 1.570 gigawatt di elettricità . Questo è otto volte la capacità attuale di tutte le società elettriche in Giappone combinato , che è molto promettente , ma è estremamente costosocostruire mulini a vento ancorate nel fondo de mare.

Large-Offshore-Windmill-Plant-537x302Il Giappone sta introducendo altre fonti di energia rinnovabile . Nel mese di giugno passato, ha creato nel paese un programma di incentivazione per diversificare le sue fonti di energia e cosi ha già dichiarato di ulteriori 3,6 gigawatt di capacità.

By Kevin Lee – Inhabitat
Via NY Times

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair /  Alterar )

Foto do Google

Você está comentando utilizando sua conta Google. Sair /  Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair /  Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair /  Alterar )

Conectando a %s